OFFERTE

 

Di seguito le nostre offerte.
Per disponibilità e ordini contattaci via mail: info@consolaroforniturealberghiere.it.
Oppure telefonicamente: Roberto 3382176450 Francesco 3337617310.


MASCHERINA FACCIALE MONOUSO FILTRANTE GENERICA 3 STRATI TNT
€ 0.50 (Iva esclusa 22%)

SCHEDA TECNICA

  • DESCRIZIONE
    Mascherine facciali filtranti generiche a 3 strati, pieghevoli, monouso, in tessuto non tessuto.

  • MATERIALI IMPIEGATI
    Dispositivi realizzati in 3 strati di tessuto non tessuto (100 % polipropilene, esente da fibre di vetro) idrorepellente e traspirante. La densità superficiale totale è di circa 80 g/mq. Gli elastici sono realizzati in 100 % poliuretano e non contengono lattice.

  • USO PREVISTO
    Dispositivi filtranti adatti alla copertura di naso e bocca esclusivamente a fini igienico ambientali. Non sono dispositivi sterili, medici, chirurgici, né di protezione individuale e pertanto seppur siano stati sottoposti ad un processo di sanificazione prima del confezionamento non sono utilizzabili quando sia espressamente prescritto l’uso di dispositivi medici o di protezione individuale.

  • AVVERTENZE
    La protezione delle vie respiratorie di chi le indossa non è in alcun modo garantita, come invece avviene ad es. per le mascherine filtranti non generiche di tipo FFP2 o FFP3. Tuttavia si garantisce che questi dispositivi, se usati correttamente in conformità alla destinazione degli stessi, non arrecano danni e non determinano rischi aggiuntivi per gli utilizzatori.

  • CARATTERISTICHE
    Buona resistenza alla trazione sia longitudinale che trasversale. I dispositivi sono idrorepellenti, ignifughi, ultraleggeri e ipoallergenici.

  • ORIGINE
    Paese di origine: Cina.

  • MANUTENZIONE
    Non prevista (dispositivi monouso).

  • CONSERVAZIONE E MANIPOLAZIONE
    Conservare a temperatura ambiente, senza esporre ad umidità o calore diretto per non più di 3 anni.

  • CONFEZIONE E IMBALLAGGIO
    Confezionamento in buste da 10-25-50 pezzi, secondo disponibilità. Etichettatura e scheda tecnica realizzate in conformità alla Circolare MISE 107886 del 23 aprile 2020 e inserite all’interno delle confezioni di cartone da 200-500 pezzi, secondo disponibilità.

F.A.Q.

1. Una persona senza particolari prescrizioni mediche ha bisogno di acquistare una mascherina unicamente per poter andare
a fare la spesa e circolare liberamente a piedi in un luogo pubblico. Può usare queste mascherine facciali filtranti generiche?

Sì. Per recarsi al supermercato, nei negozi o per circolare a piedi è obbligatorio indossare delle mascherine facciali filtranti adatte alla copertura di naso e bocca esclusivamente a fini igienico ambientali e si possono pertanto usare indistintamente sia le mascherine facciali filtranti generiche, che quelle marcate CE come dispositivi medici o dispositivi di protezione individuale. Per un uso sicuro si raccomanda di leggere prima la scheda tecnica.

2. Una azienda ha bisogno di acquistare delle mascherine per i propri dipendenti sul luogo di lavoro.
Può usare queste mascherine facciali filtranti generiche?

Il loro impiego sul luogo di lavoro non è precluso dalla legislazione vigente, ma purtroppo non esiste una risposta preconfezionata valida per tutti perché ogni ambiente di lavoro è un caso a sé. Addirittura è possibile che persone diverse della stessa azienda potrebbe essere esposte a rischi diversi e pertanto abbiano bisogno di mascherine differenti. Spesso abbiamo visto ad es. che le presenti mascherine sono state ammesse per il loro impiego da parte di impiegati e magazzinieri, ma non da parte di operai addetti alla saldatura. Per avere una risposta andranno pertanto analizzati i rischi specifici a cui è esposto ciascun lavoratore e in questo caso la miglior cosa da fare è quella di fornire la nostra scheda tecnica al Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione (RSSP) aziendale, al medico competente ed eventualmente al proprio consulente per la sicurezza e attenersi al loro parere.

3. Sono un RSSP, un medico, un datore di lavoro o un consultente per la sicurezza.
Posso dare queste mascherine facciali filtranti generiche in dotazione ai lavoratori della mia azienda?

Premesso che quanto segue è semplicemente il nostro parere informato, non ha la presunzione di costuire in alcun modo un consiglio e che il contesto normativo è in costante evoluzione, l’orientamento prevalente degli esperti da noi interpellati in fatto di utilizzo sul luogo di lavoro ci è parso di capire essere sostanzialmente il seguente.
Le mascherine sono dei dispositivi di protezione individuale (DPI) solo se rispettano determinate caratteristiche tecniche. Hanno diverse classificazioni in relazione al diverso grado di protezione (FFP1, FFP2, FFP3) dove FFP1 è il grado più basso e FFP3 è il grado più alto.
Le suddette mascherine devono avere indicato il grado di protezione e devono essere marcate CE.
- Le mascherine facciali filtranti FFP1, FFP2 e FFP3 sono quelle che devono essere utilizzate dai lavoratori in relazione alle varie attività svolte che li possono esporre al rischio di inalazione (es. quella che utilizza un addetto che effettua saldatura). Nel caso del Covid-19 sono quelle che devono utilizzare i medici per proteggersi dal possibile contagio che deriva dal contatto con i pazienti positivi.
- Le mascherine tipo “chirurgico” o di stoffa invece funzionano sostanzialmente al contrario, ovvero evitano che la persona che le indossa possa emettere con la respirazione degli aerosol che possono andare in contatto con altre persone o depositarsi su superfici e quindi poi essere trasmessi con conseguente contagio di altre persone. Anche questi dispositivi devono essere marcati CE, sono dispositivi medici (MD), ma non sono DPI.
Nel decreto legge n.18 del 17 marzo 2020 (tutt’ora in vigore), vista la carenza di reperimento sul mercato delle mascherine chirurgiche marcate CE, è stata indicata espressamente la possibilità di produrre/importare e commercializzare anche mascherine facciali filtranti non marcate CE durante tutto il perdurare dell’emergenza sanitaria in corso (attualmente stabilita per legge fino al 31 luglio 2020), fatto salvo che il produttore/importatore ne abbia fatta comunicazione agli enti preposti o che - in alternativa - le commercializzi come mascherine facciali filtranti generiche seguendo le istruzioni riportate nella Circolare MISE 107886 del 23 aprile 2020 pubblicata in gazzetta ufficiale del 28 aprile 2020.
Nello specifico, le presenti mascherine rientrano in quest’ultima categoria di “mascherine facciali generiche”:
- non sono marcate CE, non sono DPI e non sono MD, pertanto non sono utilizzabili quando sia espressamente prescritto l’uso di dispositivi medici o di protezione individuale
- sono adatte alla copertura di naso e bocca unicamente a fini igienico ambientali
- al pari delle mascherine chirurgiche marcate CE, non garantiscono la protezione delle vie respiratorie di chi le indossa
- non arrecano danni e non determinano rischi aggiuntivi per gli utilizzatori
Quindi il loro impiego e la loro commercializzazione non è preclusa di per sé e sono state assimilate a quelle di tipo chirurgico dal decreto di marzo citato sopra, e trovano sostanzialmente impiego per evitare ad es. che una persona infetta possa contagiarne un’altra emettendo goccioline (droplet) contenenti quantità di materiale organico infetto.

Attenzione, questo documento potrebbe non essere aggiornato.
Ultimo aggiornamento: 1 Maggio 2020



  • Paderno
  • Pentole Agnelli
  • The Bars
  • Sanelli
  • Pintinox
  • Salvinelli